Il 28 novembre 2008 è stato 
approvato dal Consiglio dei Ministri 
il disegno di legge di ratifica della 
Convenzione delle Nazioni Unite sui 
diritti delle persone con disabilità

 

 

 

Donne e lavoro: le discriminazioni multiple in Provincia di Torino

«In un contesto in cui la maternità è un forte elemento di discriminazione per le 
donne, per quelle straniere o disabili gli ostacoli nell’accesso e permanenza nel 
mondo del lavoro possono essere insormontabili. I numerosi casi trattati dal nostro 
ufficio hanno messo in luce come chi è soggetto a più discriminazioni, dirette e 
indirette, come quelle di essere donne lavoratrici e madri senza servizi accessibili 
di conciliazione, oppure disabili o madri di disabili, straniere o over 45, diventi 
un soggetto così debole sul mercato del lavoro, da non avere neppure più il coraggio 
di denunciarlo. 

Per questo abbiamo voluto approfondire le esigenze, le professionalità e le modalità 
con cui le donne straniere o disabili accedono al lavoro, al fine di individuare 
suggerimenti e priorità utili in fase di programmazione degli interventi». 

Le ricerche, promosse dalle Consigliere di Parità della Provincia di Torino, Laura 
Cima e Ivana Melli, offrono una lettura “al femminile” ricca di osservazioni e 
suggerimenti.





Se molto si fa per favorire l’inserimento lavorativo dei disabili e i risultati ci 
sono, circa 1000 inserimenti l’anno da quando è in vigore la Legge 68 sull’
inserimento mirato, 1.200 circa nel 2008 - non altrettanta è l’attenzione per le 
differenze che riguardano l’inserimento lavorativo dei disabili rispetto al genere. 
La ricerca “Due volte differenti - l'inserimento al lavoro delle donne con 
disabilità” realizzata dll’ASSOT (agenzia per lo sviluppo Sud Ovest di Torino) sul 
territorio del Centro per l’impiego di Orbassano, ha fatto emergere le differenze e 
le specificità dell’inserimento al lavoro delle donne con disabilità - finora poco 
affrontata sia nell’ambito dei servizi per l’impiego e delle pari opportunità- 
fornendo agli attori locali un quadro di analisi e di proposta intorno al tema 
disabilità e lavoro delle donne. 




Sul fronte dell’immigrazione la lettura di genere del mondo del lavoro, monitorato da 
“I lavori delle donne” - a cura di: Associazione Almaterra, Associazione A.S.A.I., 
Associazione Culturale Filippina del Piemonte, Cirsde Centro Interdisciplinare 
ricerca e studi delle donne – evidenza problematiche specifiche delle donne straniere 
e altre comuni alle donne italiane. 





Il fattore discriminazione emerge ancora fortemente nei confronti delle donne ed 
aumentano se la donna ha figli ed è straniera. Le donne straniere hanno problemi 
specifici, tra cui quello del permesso di soggiorno. Il problema della conciliazione 
amplifica per le donne quello della precarietà e mina il loro progetto di autonomia 
in questo paese. Ciò costringe le donne migranti ad accettare qualsiasi tipo di 
lavoro e di condizione.
La mancanza di autonomia implica la dipendenza dal marito e l’impossibilità di 
lasciarlo in caso di violenza


da www.consiglieraparitatorino.it

leggi anche due volte differenti

una sintesi della indagine Assot

 
Donne e disabilità: l'importanza del riconoscimento soggettivo

segue


In preparazione di un importante  seminario in ottobre su:
"Maternità e Disabilità"

segue     


CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE DONNE E UOMINI CON DISABILITA’

E’ il  primo strumento giuridico internazionale vincolante (per i Paesi che lo sottoscriveranno) riguardante i loro DIRITTI UMANI e rappresenta un traguardo storico del movimento mondiale delle donne e uomini con disabilità.
                                                              segue


Il sapere dell'esperienza, l'esperienza del sapere.

di Jacqui Christy James, Segretaria Disabled Peoples' International Europa, relazione tratta dalla Conferenza Europea "essere donna nella disabilità", novembre 2003  
                                                                segue


 Alcune riflessioni sulla legge 194/78 e la disabilità

La legge 194/’78, nonostante le limitazioni imposte per l’interruzione volontaria della gravidanza e l’obiezione di coscienza, è, secondo me, donna con disabilità motoria facente parte dei movimenti delle donne e della disabilità, complessivamente una buona legge, da salvaguardare.
                                                               segue


Corso gratuito rivolto a donne disabili per apprendere i fondamenti del telelavoro
                                                                 segue